Connect with us

PRO14

TREVISO NON GIRA ALLE ZEBRE NON GIRA DEL TUTTO, RED ARMY IN TESTA

Nessuno fa il difficile ma sono tempi davvero molto duri se Treviso deve scoperchiare gli ultimi minuti di una partita con Edinburgo per sentirsi forse in Paradiso, la cosa poi mica sempre funziona e questa è una di quelle volte. Lo scorso anno le due partite con gli scozzesi furono vinte, largamente in casa (30 -10) e meno agevolmente al Murrayfield (27 – 22).

Gioca la coppia Semenzato – Ambrosini nella mediana Benetton, alla fine ci sarà posto nel tabellino dei punteggi trevigiani solo per gente della cavalleria leggera con meta di McLean e tre punti anche dal piede dell’italo-australiano.

La Benetton che si trova ad inseguire negli ultimi dieci minuti della partita un Edinburgh, squadra che ha espresso fino ad oggi davvero poco, non è l’immagine che si sognava all’inizio, non c’è spazio per queste sconfitte nell’immaginario di chi sogna per i trevigiani i play-off. Capita così che in questo turno di campionato le Zebre portino a casa maggior punteggio rispetto a Treviso e la cosa ha necessariamente del sensazionale.

Sono poi le Zebre che dominano larga parte dell’incontro con Scarlets, non che il gioco della franchigia italiana, sempre farraginoso ed incerto, sembri particolarmente agile e bello, tutt’altro, ma lo scacco ai gallesi le Zebre riescono comunque a crearlo e lo portano fino alla fine con il piede di Orquera, ma il “tenuto a terra” proprio mentre gli italici tentano di scaricare sulla mischia gli ultimi minuti del match ed il calcio di Priestland, che restituisce il pareggio a Scarlets, è un finale che ha dell’amaro.

Fa tutto Hanrahan per il Munster che vince corsaro a Glasgow, fa la meta, la trasforma e ci aggiunge due calci che mandano a dormire il match; il ragazzo è un ’92 viene del Kerry, cose da vivaio irlandese, grazie anche alla sua precisione alla fine la Red Army è ancora in cima alla classifica.

More in PRO14