Connect with us

TOP10

TOP10, FINE DELLA REGULAR SEASON: I 4 PUNTI FINALI

Finita la stagione regolare, le quattro destinate ai play off (Petrarca, Rovigo, Valorugby, Calvisano) si rimettono in pista con il primo giro di semifinali fra il 7 e 8 maggio, ritorno una settimana dopo, poi una pausa ed il 28 maggio, a Parma, la finalissima.

Il Top1o si chiude con un epilogo da una valanga di mete, record di punti (377) in una giornata. Forse l’ambiente rilassato, perchè solo a Mogliano si sono giocati il punto, dalle altre parti tante … larghezze di vedute. In particolare a Colorno partita con oltre cento punti e quindici mete, un festival propaganda, ha vinto il Valorugby in formazione “second life”.

Tutte le quattro da Play – Off sono entrate in campo con formazioni pressochè inedite, tanti giovani e tante belle speranze, un po’ di minutaggio per i più “scarichi”. Le altre allora hanno provato con gli “sgambetti”, riuscito ai Lyons che pareggiano a Calvisano.

Poco da dire sulla giornata, chiudiamo la stagione regolare con quattro considerazioni non scontate.

GRAZIE A TUTTI E’ stato comunque un anno da “emergenza sanitaria” ma il Top10 è arrivato in fondo, nonostante tutto, in maniera assolutamente indiscutibile.  Tanti vanno ringraziati ma oggi vogliamo ringraziare tutti coloro che, dentro le Società, hanno lavorato perchè questo fosse possibile senza che alcuno recriminasse o si lamentasse. Per il rugby italiano. Grazie davvero.

IL PASSO AVANTI E’ stato l’anno del TMO e delle dirette su Eleven Sports per tutti i match, è stato l’anno del campionato che gioca durante il Sei Nazioni, perchè è stato l’anno del calendario interrotto a gennaio. Sono accadute un sacco di cose quest’anno, in campo tanti giovani e tanti nuovi leader, si è visto un rugby un po’ meno sperimentale ed un po’ meno tradizionale. La strada è ancora lunga ma intanto…

Un vero passo avanti è stato il frequente richiamo della FIR alla “responsabilità” diretta ed oggettiva delle Società verso il massimo campionato italiano, uno stile che, a dispetto del rugby assistito e dei finanziamenti a pioggia, (c’è un Consigliere federale che non ci gradirà ma da qui si garantisce che è molto molto reciproco)  sarà il leit motiv del necessario cambiamento per la prossima stagione.

SOLITI DIFETTI MA MENO GENTE Mancanza di marketing, autoreferenzialità, lo stile bullettizzante del “tacituchenonhaimaigiocatoconme”, le insicurezze sui fronti caldi: ad esempio il rapporto con gli arbitri, gli accordi fra Società, la mancanza di visibilità indotta, gli investimenti zero fuori dal campo. I difetti del Top10 sono rimasti tutti lì, salvo giusto qualcuno.

Tutti lì quei difetti che sarebbero pronti per la prossima stagione, o almeno così forse pensa qualcuno, sbagliando. Perchè invece certe “cosacce” devono cominciare ad essere messe da parte pena la scomparsa del campionato.

Basti un dato alle Società: a vedere le partite “live” c’era pochissime gente, piazze storiche hanno toccato il punto più basso di presenze allo Stadio ma, in realtà, questo record lo hanno fatto un po’ tutti.  Il cambiamento non più solo necessario: è vitale.

CLIMA PERFETTO  Un grazie invece a tutti i ragazzi che sono andati in campo, nessuno escluso, si è vista una passione ed un amore per il nostro sport che …. una cosa grande. Non si tratta di far complimenti a vuoto, questo clima si sentiva eccome quest’anno, sarà stato il “periodo difficile”… ma non era solo quello. Sembra esserci una  consapevolezza fra i ragazzi del rugby: ha il sapore del vero protagonismo positivo. Forza ragazzi del Top10 !!!

Top10 XVIII giornata:

FEMI-CZ Rovigo v Rugby Viadana 1970 54-17 (5-0)
Mogliano Rugby 1969 v Fiamme Oro Rugby 36-37 (2-4)
HBS Colorno v Valorugby Emilia 41-61 (1-5)
S.S. Lazio Rugby 1927 v Petrarca Rugby 25-50 (0-5)
Rugby Transvecta Calvisano v Sitav Rugby Lyons 28-28 (2-2)

Classifica finale: Petrarca Rugby 78, Femi-CZ Rovigo 67, Valorugby Emilia 66, Transvecta Calvisano 55, HBS Colorno 1975 45, Fiamme Oro Rugby 43, Rugby Viadana 1970 e Sitav Rugby Lyons 28, Mogliano Rugby 1969 23, Lazio Rugby 1927 12

Questa la composizione della griglia play-off (a partire dal 7 maggio)
Transvecta Calvisano v Petrarca Rugby
Valorugby Emilia v FEMI-CZ Rovigo

More in TOP10