Connect with us

FIR E DINTORNI

MOGLIANO VA CON TREVISO. ALLORA…. TRE DOMANDE

Quando finì la stagione del Top10, si cominciò a raccontare delle difficoltà del Mogliano, che non avrebbe potuto partecipare al prossimo Top10.

Non erano chiacchiere, in pochi giorni, siamo ai primi di giugno, si manifesta la nascita di “In Meta” un consorzio creato dall’imprenditore Roberto Brunetta per far proseguire l’attività al Mogliano Rugby e…. pagare debiti contratti ed ancora non coperti fra i quali, stando ai si dice, diverse mensilità per i giocatori.

Poi la soluzione, il 18 giugno la Tribuna di Treviso (firma A.P.) pubblica che il Mogliano è salvo, si chiamerà Mogliano Veneto Rugby la nuova società che si accollerà i 250.000 euro di debiti non pagati e svariate altre spettanza. La cordata è proprio quella di In Meta, aggrega amici vecchi e nuovi del rugby moglianese e soprattutto salva il titolo sportivo in Top10, campionato al quale questo Mogliano parteciperà, perchè il punto forte è davvero questo.

Il Mogliano Veneto Rugby infatti si presenta grazie ad un determinante accordo raggiunto con la Benetton Rugby, della quale diventa, piaccia o no la definizione ma questo si legge, la “filiale” territoriale di maggior livello. La Benetton usufruirà della partecipazione dei biancoblù al Top10 come squadra test per permit player e giovani in fase di lancio, forse anche per provare nuove figure dal lanciare semmai in URC, insomma un vero campo prova. Il giornale trevigiano racconta esista un accordo per il quale ben 12 giocatori della rosa del Mogliano saranno assicurati dalla Benetton Treviso (copertura stipendi inclusa, si immagina) .

Mogliano diventa società satellite di Treviso, a tutto tondo. E così sopravvive. Ci sono allora tre domande, solo tre (tutte le altre … lasciamo stare).

La prima. Alla Benetton Treviso per la sua partecipazione celtica oggi denominata URC è quindi concesso avere una squadra in Top10? In passato non era così, ci si domanda: cosa è cambiato? Diteci che non è il solito giochetto delle tre carte.

La seconda. La Benetton assicura dodici giocatori al Top10 del Mogliano che diventa residenza dei suoi permit player. Quindi gli altri team di Top10 saranno esclusi a prescindere  dalla possibilità di avere permit player in Benetton Treviso? Quale è la politica dei permit player di questa FIR? 

La terza. Il massimo campionato italiano, oggi Top10, deve essere un campionato di vertice, magari con poche Società (per una riforma si parla di  sei o otto al massimo) ma di Alto Livello. Che coerenza hanno queste ultime due parole con queste due: “Società satellite”? Come una Società  a risorse economiche limitate e pure condivise con altre Società può essere di Alto Livello? Quale è la politica della FIR per il nuovo Top10 in tema di Società partecipanti?

Mantenete la calma, va tutto bene.

3 Comments

3 Comments

  1. Paolo

    22 Giugno 2022 at 17:13

    La quarta domanda è d’obbligo caro il Nero,
    Ma il Benetton per partecipare al campionato Urc percepisce dalla FIR un contributo? Penso proprio di sì, se con questo contributo però mette sotto contratto giocatori che militeranno poi nel campionato di Top 10 con il Mogliano, lo scontro almeno sul piano economico sarà impari.
    Cosa ne pensi?

  2. Fiorenzo Burattin

    22 Giugno 2022 at 17:38

    E tutto il resto? Ma quanto pubblico riesce a raccattare il top 10.Stadi vuoti. Calvisano? Ma anche Petrarca, come dimenticare la semifinale scudetto di Padova con max 300 persone sugli spalti. Unica tifoseria degna è solo Rovigo. Per cui bisogna rassegnarsi a questo brodetto. Questo spettacolo non piace, non fa pubblico, non attrae sponsor. Questa è la realtà.

  3. Paolo

    22 Giugno 2022 at 17:51

    Ma perché quindi un Presidente (Zambelli, un nome a caso) dovrebbe investire nel T10 ?
    Mogliano ha i giocatori in prestito da Benetton, che percepisce circa 4mio euro a stagione da FIR.
    Fiamme Oro sono pagate dallo Stato e competono con squadre private in cui invece paga il Presidente.
    Mi sembra che ci sia un grosso problema di concorrenza..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in FIR E DINTORNI